Bruno Forte, più misericordioso di Gesù

Il sito La Fede Quotidiana fa notare che la grande stampa nazionale ha pressoché ignorato un’affermazione di Bruno Forte, arcivescovo di Chieti-Vasto, nonché segretario del doppio-sinodo dei vescovi sulla famiglia, espressa durante un incontro a San Salvatore in Lauro sull’Amoris laetitia, il 9 marzo scorso.

Il vescovo-(a)teologo ha affermato che «il percorso di accompagnamento culmina nella Comunione per i divorziati-risposati, che è segno di obbedienza alla misericordia di Dio». 

0908je94Duole che un vescovo di Santa Romana Chiesa tratti i Sacramenti come oggetti da svendere a buon mercato e non sappia cosa sia la Divina Misericordia.

I divorziati-risposati sono dei fedifraghi, rei del peccato mortale di adulterio-concubinato — spiace usare un linguaggio duro, ma è l’unico veritiero –, perciò non possono ricevere la S. Comunione, altrimenti mangerebbero la loro condanna, commettendo un altro peccato mortale: il sacrilegio. Peccato mortale su peccato mortale.

Mons. Forte, ci risponda: mandare all’inferno delle anime è forse obbedire alla misericordia di Dio?

La Divina Misericordia, invece, vuole salvarci dalla condanna eterna, richiamandoci continuamente al pentimento, alla conversione e alla penitenza. Con la misericordia, Dio ci dona la forza di abbandonare il peccato, non ci dà il permesso di peccare!

«Il Signore non ha comandato a nessuno di essere empio e non ha dato a nessuno il permesso di peccare» (Siracide 15, 20)

Questo, ovviamente, non vale solo per i divorziati-risposati (i quali non hanno nessuna scusante, né giustificazione, per disobbedire al VI Comandamento), ma anche per chi scrive, per chi legge, per tutti i battezzati e per tutta l’umanità. Nessuno — nessuno — ha salvezza “in tasca”, perché Dio non ci deve niente.

Sì, è vero, se Dio non fosse misericordioso sarebbe crudele, ma se non fosse giusto, sarebbe malvagio, perché lascerebbe impunito il più forte ai danni del più debole.

Per cui, attenzione a non diventare più misericordiosi di Dio: non è solo impossibile, ma pure ridicolo e, soprattutto, diabolico.

Annunci

Un pensiero riguardo “Bruno Forte, più misericordioso di Gesù

  1. Quando in medio oriente morivano innumerevoli bambini e adulti sgozzati a Roma si insisteva per trovare un modo di dare la comunione ai risposati. Il cosidetto papa impegnato al massimo e così i vescovi che lo appoggiavano in questo argomento. Si doveva riuscire a realizzare una norma per dare la vita ai risposati. Laggiù l’ ISIS sgozzava senza pietà nel più assoluto silenzio della Chiesa. Si sa che è bene fare una cosa alla volta, ma forse Bergoglio non ha pensato che i bambini che erano morti venivano prima di quegli adulteri ed esempi di scandali che avevano catalizzato tutti i vescovi della Chiesa. Quello che credo turbi tutta la cristianità sia la giustificazione di questi comportamenti che sono assenti nei veri cristiani.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...