Tribunale tedesco condanna due sacerdoti a pagare una multa per aver criticato il clero omosessuale

P. Dariusz Oko deve pagare una multa di 3.150 euro e il suo editore P. Johannes Stöhr deve pagare 4.000 euro per aver scritto e pubblicato un articolo intitolato: “Sulla necessità di frenare le cricche omosessuali nella Chiesa”. Tale articolo mette in evidenza i casi di abuso da parte di sacerdoti e vescovi omosessuali e descrive dettagliatamente i meccanismi utilizzati da quelli che egli definisce “omoclan” o “omomafia” di chierici predatori per evitare le responsabilità.

di Pierre Boralevi (21-05-2022)

Un tribunale tedesco ha giudicato un sacerdote polacco e il suo editore sacerdote tedesco colpevoli di incitamento all’odio, in seguito all’appello di un precedente verdetto di colpevolezza.

Dopo l’udienza di oggi a Colonia, padre Dariusz Oko è stato giudicato colpevole di incitamento all’odio per un articolo pubblicato sulla rivista teologica tedesca Theologisches nel gennaio 2021. Gli è stata inflitta una multa di 3.150 euro (3.325 dollari USA). Il secondo imputato, il 91enne p. Johannes Stöhr, direttore della rivista, dovrà pagare una multa di 4.000 euro (4.222 dollari USA). Il denaro sarà devoluto in beneficenza.

Ma secondo il sito web polacco Polonia Christiana, Oko e Stöhr non sono stati condannati per nulla.

“Padre Oko deve pagare la restituzione a un ente di beneficenza; il tribunale ha rinunciato all’azione penale. Non c’è quindi alcuna condanna perché l’accusa ha abbandonato il processo”, ha riferito il sito.

L’articolo di Oko, intitolato “Sulla necessità di frenare le cricche omosessuali nella Chiesa”, mette in evidenza i casi di abuso da parte di sacerdoti e vescovi omosessuali e descrive dettagliatamente i meccanismi utilizzati da quelli che egli definisce “omoclan” o “omomafia” di chierici predatori per evitare le responsabilità.

Nell’articolo di 50 pagine, Oko descrive questi chierici come “una colonia di parassiti” che “si preoccupa prima di tutto di se stessa, e non degli ospiti a spese dei quali vive”, e anche come una “peste omosessuale” o un “cancro che è persino pronto a uccidere il suo ospite”.

Una prima sentenza del tribunale distrettuale di Colonia dello scorso luglio ha chiesto a p. Oko di pagare una multa di 4.800 euro o di scontare 120 giorni di carcere, dopo che il tribunale ha deciso che l’articolo di p. Oko costituiva un “incitamento all’odio” contro gli omosessuali.

Anche p. Johannes Stöhr, 91 anni, caporedattore di Theologisches, è stato accusato.

Il procedimento giudiziario è stato avviato in seguito alla denuncia di p. Wolfgang Rothe, un sacerdote dissidente e vittima di scandali dell’arcidiocesi di Monaco, che ha confermato sui social media di aver accusato Oko e di aver festeggiato le accuse del tribunale di Colonia.

Rothe è stato uno dei molti ecclesiastici tedeschi che hanno partecipato a un’ondata di cerimonie illecite di “benedizione” dello stesso sesso questa primavera. In passato ha ricoperto la carica di vice rettore del seminario di St. Pölten, in Austria, che è stato chiuso nel 2004 a causa di un enorme scandalo di pedopornografia e di cattiva condotta omosessuale.

In un’e-mail ottenuta da LifeSiteNews lo scorso febbraio, Oko ha fornito foto altamente incriminanti del suo accusatore, tra cui foto di Rothe che bacia un altro uomo; Rothe che benedice una coppia lesbica all’interno di una chiesa; e una foto di Rothe al club “Deutsche Eiche” di Monaco, che Oko ha descritto come “una sorta di bordello gay”.

In un’intervista rilasciata a TVP Info nel 2021, Oko ha citato la Seconda Guerra Mondiale per rispondere alla sentenza iniziale contro di lui. Ha detto che, nonostante questa generazione di autorità tedesche, è “determinato” a “salvare i seminaristi dagli omocliti”.

“I tedeschi mi mettono in prigione? Mio nonno e mia nonna hanno salvato gli ebrei, hanno rischiato la vita, nonostante i tedeschi vietassero di salvare gli ebrei”, ha detto. “Io sono altrettanto determinato, nonostante i tedeschi me lo vietino, a salvare i seminaristi dalla cricca omosessuale”.

Oko ha descritto la sua pubblicazione come un “articolo scientifico basato sulle enormi conoscenze che mi arrivano da tutto il mondo, dalla gente comune, dalla polizia, dai servizi segreti”.

“Raccolgo fatti noti sugli omosessuali in abito talare e sulle loro abitudini. Questa ‘mafia della lavanda’ svolge un ruolo simile a quello della mafia in Sicilia”, ha detto.

“La critica all’attività criminale della mafia siciliana è forse un incitamento all’odio contro tutti i siciliani? Allora come può una riflessione accademica sulla sfida di una rete criminale legata alle pratiche omosessuali nella Chiesa essere un incitamento all’odio contro tutti gli omosessuali?”. Oko ha chiesto.

Secondo Paweł Chmielewski, direttore del sito web polacco di notizie cristiane Polonia Chritiana (pch24.pl), la sentenza iniziale del tribunale non aveva alcuna base giuridica: L’articolo di Oko separa molto chiaramente gli omosessuali in quanto tali dai membri della mafia omosessuale all’interno della Chiesa, e applica i termini dispregiativi solo a quest’ultima categoria.

Chmielewski ha sostenuto che la sentenza potrebbe essere interpretata come un tentativo da parte del tribunale tedesco di vietare le critiche agli abusatori sessuali e ai pedofili e ha affermato che il tribunale non ha letto l’articolo di Oko nella sua interezza.

Questa opinione è stata espressa anche dal cardinale tedesco Gerhard Müller, ex prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede. Egli ha difeso Oko già nell’agosto del 2021, poco dopo il suo appello.

“O questi giudici non hanno letto il saggio, o non sono in grado di giudicarlo con criteri scientifici, o non si rendono conto della natura criminale di alcuni atti commessi da alcuni individui che vivono nella Chiesa ma si nascondono dietro lo scudo dell’impunità garantito dal loro ufficio”, ha detto Müller in un’intervista con Paweł Lisicki del quotidiano polacco Do Rzeczy.

Müller ha anche alluso all’occupazione tedesca della Polonia del 1939-1945, affermando di vergognarsi del fatto che nel suo Paese d’origine “sia di nuovo possibile che uno studioso polacco possa essere condannato per incitamento all’odio per aver pubblicato un rapporto sui fatti”.

Il cardinale tedesco ha fatto un parallelo tra la causa contro Oko e la persecuzione degli intellettuali polacchi da parte dei nazisti, affermando che questo caso dovrebbe “far suonare un campanello d’allarme tra le persone storicamente istruite”. 

La sentenza del 2021 contro Oko ha attirato anche l’attenzione del vice ministro della Giustizia polacco Marcin Romanowski.

All’epoca, Romanowski aveva criticato la sentenza in un tweet, scrivendo: “Secondo il tribunale tedesco, il p. Prof. Dariusz Oko, esponendo in un articolo scientifico un gruppo di stupratori che operano all’interno della chiesa, ha incitato all’odio. Il tribunale ha così calpestato la libertà accademica e ha dimostrato di dare più valore ai torturatori che alle vittime”, ha scritto. “Non permettiamo una simile paranoia in Polonia”.

Anche l’Ordo Iuris Institute for Legal Culture, un’organizzazione legale polacca conservatrice, è intervenuta in difesa del sacerdote polacco dopo la sentenza del 2021.

“Abbiamo serie riserve sulla base legale per perseguire” p. Oko e p. Stöhr, ha dichiarato il presidente dell’Ordo Iuris Jerzy Kwaśniewski in un comunicato.

“L’articolo 130 del Codice penale tedesco proibisce i discorsi di odio contro una serie di gruppi, nessuno dei quali è menzionato nell’articolo del Prof. Oko”.

“Inoltre, stiamo trattando un articolo scientifico, quindi stiamo operando nell’ambito della libertà accademica, della libertà di coscienza, della libertà di parola e di critica, la cui tutela ai sensi della Costituzione tedesca e del sistema internazionale dei diritti umani impedisce la condanna dell’autore e del direttore di una rivista scientifica”, ha aggiunto.

L’istituto ha lanciato una petizione per conto di Oko e Stöhr al tribunale distrettuale di Colonia e all’allora cancelliere tedesco Angela Merkel.

A partire da venerdì, la petizione ha raccolto oltre 85.000 firme. Oko sperava di raggiungere le 100.000 prima del processo.

Fonte: lifesitenews.com

Traduzione: sabinopaciolla.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...