Trento, una diocesi ricca di “compless”

Il 15 maggio scorso vi raccontammo — con sgomento — cosa avviene ogni anno, a Trento, il giorno di Pentecoste. Le “sorprese” non finiscono qui, purtroppo. Oggi è arrivata alla nostra redazione un’email di un abitante di Trento, il quale ci racconta «un fatto davvero grave, blasfemo e pure volgare» avvenuto a gennaio presso la parrocchia di Ravina.

Trento, 6 giugno 2016

Spett.le Redazione,

grazie per aver avuto il coraggio di denunciare lo scempio che, dall’Anno Santo del 2000, noi fedeli trentini siamo costretti a subire durante la Solennità di Pentecoste.

Nella parrocchia di Ravina un cantante ha potuto girare il video promozionale del proprio album all’interno della chiesa, con Gesù Sacramentato (si vede la luce rossa accesa, se questa ha ancora un senso oggi), pronunciando parolacce blasfeme contro la Sacra Scrittura.

Inoltre, tale cantante si è “travestito” da prete, con tanto di stola, mettendosi a simulare, ai piedi dell’Altare, di bere al Sacro Calice. Il finale del video non è meno nauseabondo: il cantante, sempre nei panni di un prete, fa capire che dietro l’Altare, avrà “incontri sessuali” con due donne che, apparentemente, erano in chiesa per confessarsi.

Chi non mi crede, può vedere qui il video, a suo rischio e pericolo, perché è veramente scandaloso e vergognoso.

Perché il signor parroco di Ravina ha permesso che venisse profanata la Casa di Nostro Signore? Il vescovo, mons. Luigi Bressan (oggi emerito), ne era a conoscenza? E se la risposta è sì, perché non ha preso provvedimenti al riguardo, per impedire a questa ennesima blasfemia?

Che le intenzioni del cantante — e dei suoi compari — fossero blasfeme vengono confermate da lui stesso nel profilo Facebook ufficiale del suo gruppo: “In arrivo un nuovo video completamente fuori di testa! speriamo vada tutto bene, per un bigotto la blasfemia è sempre dietro l’angolo…”, nonché nella propria pagina ufficiale di Facebook: “Ciao ragazzi!! Vi auguro una buona serata e ci vediamo domani mattina a “messa”…. Un saluto, padre Compless”. “Vi siete spaccati ieri sera??? dai venite a messa che facciamo l after, le particole le porto io!”.

Ho provato a scrivere al nuovo vescovo, mons. Lauro Tisi, per chiedergli di intervenire pubblicamente, dato che lo scandalo è pubblico, e per supplicarlo di fare al più presto una Santa Messa di riparazione per l’offesa al Santissimo Sacramento e al sacerdozio.

Al momento non ho ancora avuto risposta. Ma non ho perso le speranze. Vi terrò informati.

Cordialmente in Cristo,

Domenico C.


Noi ci uniamo allo sgomento e all’indignazione del nostro lettore, implorando — ed esigendo — dall’arcivescovo di Trento, mons. Tisi, il suo intervento immediato. Con il Santissimo Sacramento non si scherza!

Annunci

Un pensiero riguardo “Trento, una diocesi ricca di “compless”

  1. Datemi un plasil, mi è venuto un attacco di nausea…
    Sarà contento papa Bergoglio, che continua a invocare ‘le novità dello spirito’ (quale spirito?) contro la ‘Chiesa rigida’ e altre farneticanti accuse.
    La domanda di fondo è (tralasciando papa Bergoglio che fa caso a sé, e considerando che questi casi di blasfemia stanno spuntando come funghi dopo la pioggia):

    ma tutti questi pastori della Chiesa che fino a ieri erano/sembravano irreprensibili, hanno sempre recitato una parte, fingendo di essere quello che non erano???

    La responsabilità è nostra, di noi credenti che, da bravo popolo bue, ci siamo lasciati ingannare dal loro falso moralismo e clericalismo?

    La sensazione è davvero quello di un vaso di Pandora pieno di ogni marciume e laidume a cui qualcuno ha dato sciaguratamente la stura.

    Tornando al disgraziatissimo video:
    – qualcuno ha preso provvedimenti in materia???

    In qualsiasi caso:
    i protagonisti possono appuntarsi come certezza nella loro agenda che la loro laida e blasfema impresa avrà una ricaduta sulla loro vita (non certo come vendetta di Nostro Signore, ma come azione certa del signore del male che li ha ispirati).
    Non vorrei essere nei loro panni.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...